giovedì 3 luglio 2014

Ecosistemi da proteggere o finanziare? Degli scout a San Rossore

Qualche sera fa mi sono fermata a Marina di Vecchiano per un frittino. Andando via il cameriere ci ha detto che tra le frasche dietro il ristorante c'erano i cinghiali. Siamo corsi a vedere lo spettacolo affascinante di tre cuccioletti bellissimi e scorrazzanti insieme alla loro madre guardinga e gigantesca e siamo rimasti pochissimo per non stizzirla ulteriormente.
Seppur breve, l’incontro è bastato a farmi pensare alla fortuna che abbiamo noi pisani a vivere così vicino a un parco naturale.

Ed è anche il momento in cui mi è venuto in mente che non ho scritto niente sulla questione degli scout a San Rossore (lasciamo stare che sono 4 mesi che non scrivo niente: prima o poi vi dirò perché).


Inquadriamo il problema


Il parco naturale di San Rossore inteso in senso stretto, ovvero quello che nella maggior parte dei giorni è chiuso per i comuni mortali, è stato scelto dalla dirigenza scout dell'Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani (agesci - la principale associazione scout italiana) come luogo del campo fisso della Route Nazionale.
Per 4 giorni, dal 6 al 10 agosto 2014, circa 35mila ragazzi tra i 16 e i 21 anni campeggeranno nel parco, con le loro tende, gli zaini, i pasti, i bisogni e i laboratori.

L'evento sarà grandioso, pare che il 9 arriverà anche il papa compagnone e voci di corridoio narrano di un laboratorio tenuto da Don Zauker dal titolo "di moccoli è lastricata la route della salvezza" (... questo me lo sono inventato ma sarebbe bello).

Da quando si è appresa la notizia è in atto una mobilitazione di intellettuali locali e non che sostengono che l'ecosistema del parco non reggerebbe tale mole di persone. Una polemica che porterà a ben poco, visto che quando una macchina così è partita, tornare indietro è praticamente impossibile.   

Ignoriamo le polemiche istituzionali (pare che l'ok l'abbia dato la regione e non il parco) e le battute sugli appoggi politici (l'agesci era già molto potente senza bisogno di Renzi) e concentriamoci solo sui fatti.



Numeri e visione d'insieme


Ovviamente tutti gli accorgimenti per rendere minimo l’impatto sono stati presi. In un articolo della nazione si narra di un'unica striscia di tende, nessuna costruzione stabile, bagni chimici. Mi pare il minimo.
C'è però il fatto che io, che scout sono stata per parecchi anni (dei fratelli laici, minori e meno potenti), un campo con 40mila persone l’ho fatto. Non perdo tempo a dirvi quanto spazio occupavamo, vi lascio direttamente una foto ;).
Il World Scout Jamboree del 2011 in Svezia - circa 40mila persone 

Scout, turisti, persone. Gli incivili sono ovunque


Ammettiamo che ogni singolo partecipante sia integerrimo e si comporti come la più proba delle giovani marmotte, solo respirando e scoreggiando, una tale mole di persone creerebbe qualche interferenza nella biodiversità del parco.

Poi se ci aggiungi che in Italia gli incivili si nascondono ovunque (anche agli scout), l'impatto ambientale ci sarà, sarà grosso e sarà inevitabile.


Detto questo non possiamo nemmeno negare l'effetto devastante delle migliaia di beceri turisti che il primo maggio invadono il parco con le loro macchine, seggioline, coperte e sigarette.

In conclusione: qual è lo scopo del Parco?


Insomma quello che penso è che il parco, se è nato per mantenere intatto un patrimonio ecologico, deve tutelarsi dagli scout come dai turisti; se invece ha cambiato ragione sociale e deve farsi pubblicità allora meglio gli scout dei gitanti della domenica.


Chiudo facendo presente che nel 2006 noi abbiamo chiesto l'autorizzazione per piantare 10 tende per due notti e non ci è stata data perché piantare le tende era vietato dal regolamento del parco! Forse 10 son vietate, ma 9.000 no! ;)

5 commenti:

  1. Quando si da il n°35.000 anzichè 30.000 si capisce già da li l'intenzione contraria dello scrivente e tutto il resto son chiacchiere di contorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Bruno, mi dispiace, avevo trovato una fonte che parlava di 36mila persone previste (che al momento non riesco a ritrovare, quindi non ho più scusanti). Sul sito dell'evento non sono riuscita a trovare traccia di numeri, altrimenti avrei usato quelli.
      Comunque l'intento è chiaro (senza fare dietrologie sui numeri sbagliati): sono contraria se si vuole preservare un ecosistema unico. Siccome l'intento dell'Ente Parco non sembra quello, mi ripeto, meglio gli scout dei turisti della domenica.
      Non so se lei è scout, se lo è o lo è stato, dovrebbe conoscere l'impatto sull'ambiente che ha anche solo un semplice campo di reparto. Figuriamoci quello di un gran numero di persone (e un gran numero è anche 1000).

      Elimina
  2. Abbrù, premesso che

    - volendo, a essere contrari ancora non mi pare che ci sia niente di male
    - anche 30000 persone non son pochine, ne converrai

    Ma se avevi qualcosa di concreto da dire che non fosser "chiacchiere di contorno" mi pare che tu abbia perso la tua occasione.

    Se liquidare a priori una presa di posizione in quanto tale fa parte del tuo modo di discutere, ti auguro una serena vita domestica e lavorativa.

    Buona vita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. TaGTonZiO, premesso che

      - sei un CiCCioNE e quindi non hai diritto di parola
      - a vedere dalla foto tale Bruno Baglini non può essere semplicemente abbronzato, e quindi, in quanto NeGrO, non ha diritto di parola, ne converrai

      Se pensavi di fare un commento sagace, presuntamente non delle semplici "chiacchiere di contorno", mi pare tu abbia mancato in pieno l'obiettivo

      Se augurare una serena vita domestica e lavorativa, nonché una buona vita, a una persona qualunque fa parte del tuo modo di polemizzare, ti auguro una dura intenzione contraria dello scrivente

      Peace

      Elimina
  3. Qualcuno ha messo su un generatore di risposte ridondanti in TaGTonZiO style?

    Non credevo di essere così famoso! :)

    RispondiElimina