giovedì 29 marzo 2012

Trasferirsi a Pisa? Un affare. Dice

Una ricerca dell'Università Milano-Bicocca indaga su quale città italiana sarebbe la preferita dagli italiani se si dovessero trasferire. Pisa vince, sopra Trieste e Bologna. Bravi. Dico io.

La ricerca si basa sul metodo dei prezzi edonici, che non ho ben capito come funziona, ma sembra si basi sul costo degli immobili (in vendita e affitto) che pare sia determinato dalla domanda. E non dall'offerta e dagli immobili tenuti sfitti come credevamo noi che s'abita da queste parti.

Comunque dicono che la ricerca abbia tenuto conto di vari fattori relativi a clima, economia, società e servizi.

Vediamone alcuni.

venerdì 23 marzo 2012

I ladri della raccolta differenziata 2011


Aggiornamento 28/03/12
Sembra che siano in corso controlli sulla graduatoria. Alcuni corrono il rischio di essere denunciati, dice il Tirreno.
Mi pare il minimo, no?

È uscita la graduatoria della Raccolta Differenziata del 2011 per gli sconti sulla Tarsu. Ed è già scandalo! Pare che Pisa sia davvero in Italia e che anche tra i pisani si nascondano dei ladri.


Utili a chi?!


Il Tirreno nota alcune incongruenze palesi, tipo 310 chili di pneumatici per una sola famiglia! Siccome io le avevo già notate nella graduatoria 2010, ho pensato che fosse il caso di andare un po' più a fondo. Poi mi sono arresa, i primi classificati sono troppo fuori dalla norma (per un fattore o un altro).

martedì 20 marzo 2012

Malvaldi fa scacco alla Torre

M. Malvaldi, Scacco alla Torre
Marco Malvaldi lo scrittore pisano famoso per i suoi gialli del BarLume, ha pubblicato una specie di guida alternativa su Pisa, ricca di aneddoti e suggerimenti diversi, si chiama Scacco alla Torre.

Uscito a novembre per Felici Editore, io l'ho letto solo adesso, grazie alle insistenze di un caro amico che ora devo ringraziare. Non solo perché è veramente bellino (il libro, non l'amico), ma perché è uno spunto inestimabile di argomenti per questo mio blog - e anche per il Tirreno, a quanto pare!

Nonostante qualche problemino di editing qua e là, si legge bene e ci si fanno grasse risate. Io l'ho apprezzato molto anche perché segue la stessa filosofia di questo blog - e la comunica meglio.

giovedì 15 marzo 2012

Indigeni Digitali pisani?!

Gatta digitale
L'associazione Indigeni Digitali, un gruppo dedito a perseguire "la diffusione della cultura digitale", terrà il suo primo incontro toscano proprio a Pisa. Oggi, giovedì 15 marzo, alla Leopolda.

Si chiamano Aperitivi Digitali, una formula informale per stimolare l'incontro e la condivisione dal vivo tra persone che quotidianamente si interfacciano solo sui social media.

Il programma della serata è molto ricco, relatori toscani e variamente impegnati sul web.

giovedì 8 marzo 2012

8 marzo: la parola agli uomini!

In genere questo blog tratta altri argomenti. Ma oggi è l'8 marzo e la questione femminile è un argomento che mi sta particolarmente a cuore. E riguarda ogni paese e ogni città. Anche Pisa.
Ho quindi deciso di aderire all'iniziativa A Noi la Festa, a Voi la Parola lanciata da alcune delle donne e blogger che più stimo e di coinvolgere il mio compagno di vita, coinquilino e uomo che divide con me gioie, dolori e pulizie di casa.
E lui è caduto dal pero, ma poi mi ha seguito nell'impresa, perché, come me, pensa che sia necessario fare qualcosa.
E posso garantirvi che lo fa. E come lui migliaia di altri.
Fatevi sentire, uomini, perché è anche un problema vostro!

Quando mi è stato chiesto di scrivere un post per Faiammodino sull'otto marzo, sinceramente sono rimasto un po' sorpreso.

Ok, la blogger che vi allieta con le peripezie di questa città è la mia compagna di vita e quindi le è forse parso logico chiedere al primo uomo in casa un post sull'argomento.

Il mio problema principale, in realtà, è un non-problema. Nel senso che non sento il bisogno di esprimere la mia solidarietà alle donne perché nel mio piccolo universo, che è anomalo, me ne rendo conto, hanno già vinto la loro battaglia.

sabato 3 marzo 2012

Le rotonde servono a... Schiacciare meglio i pedoni!

Inauguriamo una nuova serie sulle ROTONDE con un altro guest post. Oggi ci scrive Simona che lavora al CNR e almeno due volte al giorno affronta il semaforo pedonale di via di Pratale...


Già, i pisani non sanno usare le rotonde, se poi te gli ci metti pure i semafori pedonali.

..

Semaforo n° 1 (da Ghezzano verso via di Pratale)

Semaforo dietro la curva (fonte: Google Map)
Dimostrazione perfetta del fatto che chi si occupa di viabilità in questa città dovrebbe smettere di giocare con le macchinine...

E' normale posizionare un semaforo pedonale dietro a una rotonda con una bella siepe che ti impedisce di vederlo prima?! Per altro nell'unico punto dove non trovi la fila per accedere alla rotonda quindi l'istinto naturale del guidatore pisano lo spinge ad accelerare per dimostrare a tutti che è un figo.